Centro Ricerca Educazione Documentazione Ambientale

A NATALE…BEE SWEET!

Cara Sostenitrice, Caro Sostenitore,

anche quest’anno rendi il tuo Natale ancora più dolce! Il tuo supporto è importante più che mai: è un gesto di solidarietà, di amore verso le amiche api, la biodiversità e il Pianeta.

Sostenendo la Campagna BEE SWEET, e contribuendo così ad ampliare l’apiario didattico, ci aiuti nel nostro percorso di educazione alla Sostenibilità.

La valorizzazione del lavoro fondamentale che svolge l’insetto ape all’interno di un ecosistema è molto importante per comprendere come sia necessario rispettare l’equilibrio dell’indice di biodiversità al fine di impattare il meno possibile sugli ecosistemi.

Facendo una donazione, potrai contribuire all’acquisto di altre arnie didattiche del Centro per l’Educazione alla Sostenibilità dei Mulini Asciutti e mettere sotto l’albero un pacco ricco di dolcezza!

Donando 100 euro: Ricevi il tuo pacco dono contenente un vasetto da 500 gr di miele millefiori dei Mulini Asciutti, una bottiglia da 500 ml idromele – una bevanda a bassa gradazione alcolica, anticamente conosciuta tra i Greci come “bevanda degli dei” -, una tisana al muschio, un libro a scelta tra “I fiori del Parco di Monza” o “Cucinare il Giardino” e due confezioni di semi per fiori melliferi da balcone o giardino.

Donando 70 euro: Ricevi il tuo pacco dono contenente una bottiglia da 500 ml idromele – una bevanda a bassa gradazione alcolica, anticamente conosciuta tra i Greci come “bevanda degli dei”, una tisana al muschio, un libro a scelta tra “I fiori del Parco di Monza” o “Cucinare il Giardino” e due confezioni di semi per fiori melliferi da balcone o giardino

IDROMELE Bevanda antichissima prodotta dalla fermentazione del miele. Era tradizione, in molte parti d’Europa, che venisse omaggiato alle coppie appena sposate l’idromele in quantità sufficiente per la durata di un mese lunare. Tale dono veniva fatto come incentivo alla procreazione. Ai tempi della nascita di questa bevanda, lo scandire del tempo non era regolato dai mesi del calendario, bensì dalle fasi lunari: un mese lunare corrispondeva ad un periodo di tempo di quasi un mese del calendario gregoriano. la definizione di Luna di Miele, deriva proprio dal fatto che per la durata di una luna, la coppia si poteva godere il consumo di questa bevanda.
I FIORI DEL PARCO DI MONZA Il nostro Parco è ricco di varietà di fiori, sia nei prati, nelle zone umide e nel sottobosco. Ecco perché le Api dei Mulini Asciutti, trovano moltissima nettare per produrre il loro squisito Miele Mille Fiori o di Tiglio o di Acacia (quando il clima lo permette). Alcuni fiori sono facilmente individuabili e visibili, altri meno. In questo libro, grazie alle tante foto, vengono mostrate le diverse varietà di fioriture e dove si possono trovare: i fiori sono presentati per stagioni e le schede hanno una particolare fascia colorata che indica i mesi della fioritura e le principali caratteristiche botaniche, oltre a dove poterli trovare nel nostro bellissimo Parco. Saranno lì le amiche api?

CUCINARE IL GIARDINO Un ricettario per imparare a utilizzare in cucina ingredienti vegetali di prossimità come erbe, radici, semi e cortecce. In questo libro di Valeria Margherita Mosca, appassionata forager e ambientalista, potete trovare sessanta preparazioni distribuite sui dodici mesi dell’anno. Un manuale corredato dalle schede dedicate alle botaniche più comuni. Grazie alla sua passione Valeria Margherita Mosca ci conduce in un mondo affascinante, quello dei nostri cortili di casa, giardini o parchi dove poter trovare una grande varietà di ingredienti di origine vegetale per arricchire le nostre tavole e come realizzare tante originali ricette utilizzando tutti gli elementi che la natura ci offre.

BeeSweet for Christmas è sostenuta da Woo*ding wild food lab e Apicoltura PisHoney

PERCHE’ BEE SWEET?
Le api svolgono un ruolo fondamentale per la biodiversità e l’agricoltura. Secondo le stime del WWF, circa l’80 % di 1.400 piante che nel mondo producono cibo e prodotti dell’industria richiede l’impollinazione da parte soprattutto delle api domestiche e selvatiche. Da sole, le api selvatiche nel mondo sono oltre 20.000 specie di animali che insieme garantiscono l’impollinazione dei fiori da cui dipende il 35% della produzione agricola mondiale. Oggi le minacce maggiori che le nostre amiche api devono affrontare sono, in primo luogo, il Cambiamento Climatico (brevi periodi di intense piogge, lunghi periodi di siccità, eventi metereologici catastrofici, etc,) e l’altro grosso nemico sono i pesticidi usati in agricoltura che tuttora sono consentiti anche nell’Unione Europea, nonostante la loro nocività sulle api e altri insetti impollinatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *