Inizio anno scolastico in… Mostra!

La rivoluzione siamo noi!

Vuoi iniziare l’anno scolastico con energia? Hai una classe prima e stai pensando ad un’attività di accoglienza per conoscersi ed entrare in sintonia? Il laboratorio per le scuole “La rivoluzione siamo noi!” è quello che stai cercando.

Dove: Mostra “Dal Marmo al Missile. Capolavori d’arte svelati tra tradizione e innovazione” presso il Serrone della Reggia di Monza promossa dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza onlus.

Per chi: scuole secondarie di primo e secondo grado, classi secondo ciclo della scuola primaria

Durata: 90 minuti

Quando: dal mercoledì al sabato fino al 13 ottobre 2019, dalle ore 10.00 alle 16.00

Contributo: 40 euro a classe

Info: info@creda.it – telefono: 327 3717547

Calendario e iscrizioni online: visualizza il calendario e prenota la tua data direttamente qui

COSA FAREMO Il laboratorio didattico si ispira al fototipo “La rivoluzione siamo noi” di Joseph Beuys ospitato nella sezione “Ritratti” della mostra “Dal Marmo al Missile” e che ritrae Joseph Beuys che avanza con decisione verso l’osservatore con l’immancabile cappello di feltro in testa.

Gli studenti, dopo una breve presentazione del percorso espositivo, si concentreranno sull’autore e sull’opera e saranno coinvolti in due attività:

  1. La nostra azione. Gli alunni esploreranno uno dei 4 temi su cui l’autore si è concentrato (la difesa della natura, della pace, della cultura e della democrazia) e creeranno il canovaccio per la loro opera individuando un’azione e le parole chiave che vorranno comunicare. Gli studenti dunque interpreteranno il pensiero di Beuys sul vero valore della società che per l’artista è dato dall’insieme delle capacità umane che essa sa esprimere come creatività e intenzione.
  2. Nei panni di Beuys. Ogni gruppo di studenti ricreerà un Tableau Vivant dell’opera con la dichiarazione della propria azione per il futuro. Ogni scultura vivente interpretata dagli studenti sarà fotografata e costituirà un catalogo per il futuro visto con gli occhi degli studenti. Gli studenti indosseranno un cappello, oggetto simbolico che ricorre continuamente nei lavori dell’artista e che in questa occasione diventerà uno strumento per dare spazio all’innovazione attraverso l’energia dei giovani studenti espressa nelle loro opere collettive per il futuro.

scarica la presentazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *